Piazza Navona

Piazza Navona, una delle piazze più belle e famose di Roma e del mondo, è uno degli splendidi capolavori del barocco con opere del Bernini e Borromini. É stata realizzata sul perimetro dell'antico Stadio di Domiziano.

Ultimo aggiornamento: 9 Ottobre 2019

    Tour del Colosseo, Foro Romano e Palatino con guida
    Colosseo: disegno dell'Anfiteatro Flavio di Roma
    Valutazione 5 Stelle: Tour del Colosseo e del Foro Romano

    Durata: 3 ore

    Prenotazioni
    Piazza Navona: Storia, Fontane, Eventi e Come Arrivarci

    Realizzato nel: 85 d.C.
    Imperatore: Tito Flavio Vespasiano
    XVII secolo
    Architetto:
    Gian Lorenzo Bernini
    Dove si trova: Rione Parione

    Piazza Navona

    Piazza Navona è stata edificata sul sito dell’antico Stadio di Domiziano, voluto dallo stesso imperatore nel 86 d.C. Dopo la caduta dell’Impero Romano, la piazza tornò in vita nella seconda metà del XV secolo come uno dei principali mercati all’aperto della città; i resti del malridotto stadio furono lastricati sopra per creare Piazza Navona.

    Piazza Navona: storia

    Piazza Navona deve il nome ai giochi agonali (in agonis), gare ginniche che si svolgevano nell’antica roma. Nel corso del tempo si ritiene che il nome “in agone” sia cambiato in “Navone” e, per somiglianza con il profilo cavo di una nave la piazza assunse infine il nome “Navona”.

    Stadio di Domiziano

    Lo Stadio Domiziano, noto come “Circo Agonalis” è stato voluto dall’imperatore stesso per disputare le più importanti competizioni di atletica leggera a imitazione delle Olimpiadi greche. La pianta originale era una grande arena rettangolare allungata di circa 265×106 metri, con un’estremità ad emiciclo e l’altra dritta e un poco obliqua.

    La struttura, costruita in blocchi di travertino e mattoni rivestita di stucco modanato e colorato, è l’unico esempio di stadio in muratura fino ad oggi conosciuto a Roma. Lo stadio rimase in funzione fino al 5 ° secolo.

    Lo Stadio fu distrutto dall’incendio avvenuto all’epoca dell’imperatore romano Marco Opellio Macrino. Lavori di restauro furono eseguiti nel 217 d.c. e nel 228 d.c., al tempo di Alessandro Severo. Lo svolgimento degli agonas (gare ginniche) nello Stadio si protrassero per tutto il IV secolo data in cui risulta che era perfettamente conservato e funzionante.

    La decadenza e gli scavi

    Dal V secolo iniziò la decadenza dell’opera e successivamente lo stadio venne adibito, come gli altri monumenti romani, a cava di materiali; le strutture elevate vennero assorbite dalle fondazioni di palazzi e chiese.

    Diversi scavi furono effettuati sotto il livello della strada (nel 1868, 1869, 1933-34, nel 1936-38 e nel 1949-50) portando alla luce reperti archeologici oggi conservati in diversi punti sotto piazza Navona.

    Tra questi, numerosi frammenti di sculture e un busto in marmo pentelico, una copia del IV secolo a.C. dell’Apollo Lykeios dello scultore Prassitele. Altri resti dello stadio sono stati identificati in molti sotterranei di Piazza Navona accanto alle famose reliquie sotto la chiesa di Sant’Agnese.

    Altri reperti archeologici sono stati rinvenuti in molte aree sotterranee della zona e sono oggi visibili sotto la piazza di Tor Sanguigna. Per l’eccezionale livello di mantenimento queste rovine esprimono più di altri la gloria e l’erudizione della Roma dei Cesari..

    La piazza in epoca barocca: Gian Lorenzo Bernini

    Il grande rinnovamento del riassetto urbano si sviluppò dall’inizio del Seicento per volontà del papa Innocenzo X, della nobile famiglia Pamphili, che trasformò la piazza in un gioiello di architettura barocca. Diede l’incarico a Gian Lorenzo Bernini per una realizzazione scultorea come la famosa Fontana dei Quattro Fiumi (1651), una delle fontane più emozionanti mai create, con sopra l’obelisco alto 16 metri.

    Il mandato per il progetto della Chiesa di Sant’Agnese in Agone fu affidato dal papa all’architetto Francesco Borromini (in collaborazione con Girolamo e  Carlo Rainaldi) e infine il pontefice predispose la costruzione del Palazzo della sua famiglia Pamphili (sempre del Rinaldi), dove oggi ha sede la prestigiosa galleria progettata dal Borromini con gli affreschi di Pietro da Cortona.

    Durante i mesi estivi, Papa Innocenzo aveva predisposto i cosiddetti “giochi d’acqua” ordinando di bloccare gli scarichi della rete fognaria in modo che l’acqua delle fontane traboccasse per cui l’intera piazza si allagava. Oltre ai giochi, il vero motivo era quello di poter rievocare famose battaglie navali (le famose Naumachie dei romani).

    Nel 18° secolo il Papa Pio VI fece costruire il Palazzo Braschi (1791-1804, oggi sede del Museo di Roma) su progetto di Cosimo Morelli, completato poi da Giuseppe Valadier. Attraverso dipinti, incisioni e altre antiche opere d’arte, nel Museo si rivive la storia di Roma nel corso dei secoli.

    La piazza oggi è il centro di una vita intensa e fervida con numerosissimi locali, pittori, artisti di strada e ritrattisti. Uno degli eventi più celebri è il grande mercatino di Natale che si conclude con la famosissima Festa della Befana con le sue bancarelle.

    Com’è oggi Piazza Navona: l’architettura

    Piazza Navona mantiene l’antica struttura del vecchio stadio domiziano con la variante del secondo emiciclo apportato nel XVIII secolo. I capolavori dell’architettura barocca ebbero il loro splendore a partire dal XVII secolo con progetti di fontane, palazzi, chiese realizzati dai grandi artisti del tempo: Gian Lorenzo Bernini e Francesco Borromini.

    La Fontana dei quattro fiumi

    La Fontana dei 4 fiumi è la più grande delle tre fontane di Piazza Navona. La scenografica opera, al centro della piazza, fu costruita da Gian Lorenzo Bernini tra il 1647 e il 1651.

    I giganti in marmo bianco, collocati su una base di travertino (opera di Giovan Maria Franchi del 1648), sono sculture nude che rappresentano le allegorie dei grandi fiumi nei quattro continenti conosciuti a quel tempo. il Nilo (scolpito da Giacomo Antonio Fancelli nel 1650), il Gange (opera del 1651 di Claude Poussin), il Danubio (di Antonio Raggi nel 1650) e il Rio de la Plata (di Francesco Baratta, del 1651). Naturalmente la Fontana doveva celebrare il potere pontificio nel mondo, evidenziato dai quattro grandi fiumi:

    • Il Danubio simboleggia l’Europa con una figura avvolta a spirale, rivolta verso un cavallo
    • Il Rio de la Plata è rappresentato da un personaggio che alza un braccio a simboleggiare la colonizzazione del continente americano da poco sottomesso
    • Il Nilo, raffigurato da una statua che si copre il volto, simboleggia le sue sorgenti ancora ignote a quei tempi. Il leone e la palma sono l’emblema del continente africano.
    • Il Gange, fiume sacro, è personificato da una solenne figura barbuta che tiene un remo in mano.

    Inizialmente il papa Innocenzo X affidò il progetto al Borromini ma Bernini, grazie ai favori della potente suocera del papa, Donna Olimpia, (la rivalità tra i due architetti era famosa all’epoca) fece arrivare nelle mani del papa un modello d’argento della Fontana. Il pontefice fu talmente colpito dalla bellezza del manufatto che rinunciò al progetto del Borromini passando l’incarico dell’opera al Bernini.

    L’acqua che sgorga tra le masse di travertino, infonde un suggestivo movimento perché zampilla da un’unica fonte. Componente di spicco come le sculture, l’acqua dalle rocce si riversa nel suo crescendo impetuoso tra animali selvatici, palme, peonie, agavi e piante rampicanti, creando un effetto straordinario. Il prodigio scultoreo suscita nello spettatore ammirazione e stupore coinvolgendolo in un universo di perfezione e bellezza senza tempo.

    La Fontana del Moro

    La Fontana del Moro, realizzata in marmo antico, è la più antica delle tre fontane ed è posta nell’estremità sud di Piazza Navona. Un uomo-marino dalle colossali dimensioni si staglia su un’enorme conchiglia mentre lotta con un delfino. Su disegno originale del Bernini, l’opera fu scolpita nel 1654 dal mastro Ludovico Rossi di Fiesole. Le maschere e le sculture dei tritoni sono copie degli originali visibili oggi nei giardini di Villa Borghese.

    La Fontana del Nettuno

    La Fontana del Nettuno è un complesso monumentale all’estremità settentrionale di Piazza Navona. Realizzata in marmo rosa portasanta e progettata nel 1574 da Giacomo della Porta assieme alla Fontana del Moro, aveva lo scopo di ottenere una forma simile alle due fontane con tritoni e grandi maschere.

    L’opera voluta da Papa Gregorio XIII, non fu mai completata e per circa 300 anni la fontana rimase senza sculture. Solo nel 19° secolo al centro della fontana si è potuto ammirare il dio dell’acqua Nettuno (opera di Antonio della Bitta), effigiato con il suo tridente in lotta con un grande polpo.
    Le altre sculture, che furono create da Gregorio Zappalà, illustrano due cavallucci marini, sirene e amorini che giocano con i delfini.

    La chiesa e gli edifici attorno a piazza Navona

    Dalle antiche e strette vie del centro storico, si apre uno spazio che racchiude in un solo sguardo la grande e artistica piazza Navona. Le successive costruzioni di chiese, fontane, edifici e palazzi storici hanno incorniciato questo luogo rendendolo un gioiello architettonico unico al mondo.

    Sant’Agnese in agone

    La Chiesa di Sant’Agnese in Agone a Piazza Navona, rappresenta il tipico stile barocco di Francesco Borromini.  La chiesa originale fu costruita sul posto in cui la giovane Agnese fu martirizzata.

    Il papa Innocenzo X intraprese nel 1644 la costruzione del palazzo per la sua famiglia Pamphili sulla piazza dove c’era già la splendida fontana del Bernini. Poco dopo, nel 1651, il papa decise di erigere una nuova chiesa sui resti della piccola basilica di Sant’Agnese.

    Il primo progetto fu proposto da Girolamo Rainaldi e suo figlio Carlo, ma non avendo ricevuto il favorevole consenso dal papa, questi passò l’incarico a Francesco Borromini nel 1653.

    Un’ampia facciata teatrale caratterizza questa opera che vanta capolavori di pittori e scultori come Alessandro Algardi e Gian Lorenzo Bernini. All’interno. fastosamente decorato, troviamo le cappelle e gli altari dedicati ai santi.

    Le cappelle

    • Cappella di Sant’Agnese
    • Cappella di San Filippo Neri
    • Cappella di Santa Francesca di Roma
    • Cappella di San Sebastiano

    Gli Altari

    • Altare dedicato a Santa Emerentiana
    • Altare dedicato a Santa Cecilia
    • Altare dedicato a Sant’Eustachio
    • Altare dedicato a Sant’Alessio
    • Altare maggiore

    Museo di Roma (Palazzo Braschi)

    Il Museo di Roma ha sede nel settecentesco Palazzo Braschi, nel cuore della Roma rinascimentale e barocca. La grandiosa architettura progettata da Cosimo Morelli ospita la più importante collezione di testimonianze relative alla storia artistica e la vita di Roma dal 15° fino all’inizio del XX secolo.

    Il cortile suggestivo, le stanze dipinte con la loro originale decorazione a tempera e i delicati stucchi espongono oltre centomila tra sculture, incisioni, dipinti, disegni, mobili, carrozze e berline, pezzi di antiquario e affreschi.

    L’architetto Giuseppe Valadier collaborò alla realizzazione di un simbolo caratterizzante del palazzo: il monumentale scalone con le antiche statue adornato con sofisticati rilievi in stucco per i quali l’autore Luigi Acquisti si ispirò al mito di Achille e all’Iliade.

    Palazzo Pamphilj

    Lo storico  Palazzo Pamphilj, voluto dal Cardinale Giambattista Pamphilj divenuto Papa Innocenzo X, è oggi la sede dell’Ambasciata del Brasile. L’architetto Francesco Borromini nel 1647 fu consultato per il progetto ma le sue proposte per il palazzo non furono accettate.

    L’incarico fu affidato all’architetto Girolamo Rainaldi che diede inizio all’opera. Al pittore Pietro da Cortona fu commissionata la decorazione della volta della Galleria. La sequenza di affreschi antichi descrive scene della vita del leggendario fondatore di Roma, Enea.

    Eventi a Piazza Navona

    Natale

    Il più pittoresco mercato di Roma è quello storico e tradizionale di Natale dove vengono venduti i classici alberi, presepi e le tipiche statuine che li popolano. Visitare gli stand in questo clima vivace e festoso fa vivere totalmente lo spirito natalizio della città eterna illuminata dai festoni luminosi. Si trovano gadget fatti a mano, piccole e originali idee per i regali natalizi, decorazioni per gli alberi e tutti i tipi di leccornie per grandi e piccini.

    Mercatini e bancarelle

    Giorno e notte Piazza Navona è una grande giostra di mercatini di ogni genere con regali curiosi per bambini e adulti compreso i nuovi addobbi per l’albero di Natale. Un chiassoso andirivieni da una bancarella all’altra con l’attrattiva di giocattoli e prodotti artigianali. E poi ritrattisti, venditori d’arte e disegni della Roma antica; numerosi ristoranti contornano la piazza per la gioia dei turisti con le locali prelibatezze gastronomiche.

    Befana

    La festa della Befana arriva il 6 gennaio a conclusione delle feste natalizie e la tradizione vuole che giunga qui in Piazza Navona. É il giorno dedicato ai bambini. La leggenda narra che il giorno della vigilia, la Befana, la strega buona a cavallo del suo manico di scopa, vada a recare i doni ai bambini riempiendo le abbondanti calze di regali se sono stati bravi, o carbone se sono stati cattivi.  Spesso il programma include anche spettacoli di burattini, clown, musica e balli.

    Come arrivarci

    I collegamenti verso Piazza Navona sono:

    • Dall’aeroporto Leonardo Vinci o Ciampino, il Leonardo Express, un servizio ferroviario locale, collega l’aeroporto Leonardo Vinci alla città. Partenze ogni 30 minuti da/per la stazione Termini, tempo di percorrenza 31 minuti.
    • Un bus navetta collega l’aeroporto di Ciampino alla centrale stazione Termini.
    • Arrivando in treno: dalla Stazione Termini, si può raggiungere Piazza Navona in taxi.
    • Trasporto pubblico: gli autobus di linea 40 o 64 hanno la fermata vicino a Piazza Navona, Piazza della Chiesa Nuova: proseguire a piedi per 300 metri e si raggiunge la piazza.
    • In auto: Dal Grande Raccordo Anulare tutte le uscite hanno le indicazioni per “Roma Centro”. A Piazza Navona vige il divieto di sosta, si può parcheggiare nel vicino Lungotevere (zona blu a pagamento); la piazza è a pochi minuti a piedi. Parcheggio disponibile solo su richiesta presso l’autorimessa in Via Paola 24, pagamento diretto al garage.

    Tours partner:

    Sotterranei di piazza Navona

    Durata: 1 ore | Lingue: Inglese, Tedesco, Spagnolo, Francese, Italiano, Russo

    Tour delle piazze e fontane di Roma

    Durata: 3 ore | Lingue: Inglese

    Dove alloggiare:

    Hotel Sole al Pantheon - 4 stelle Roma

    Hotel vicino al Pantheon

    Selezione dei migliori hotel e appartamenti vicino al Pantheon, nel pieno centro di Roma

    Tour guidato del Colosseo, Foro Romano e colle Palatino

    error: I contenuti su questo sito sono protetti dalle regolamentazioni italiane ed internazionali in materia di copyright. Ogni illecito verrà prontamente segnalato via DMCA senza alcun preavviso